Regno del Norwold


Vai ai contenuti

Menu principale:


Gli Immortali nel gioco

Immortali > L'ImmortalitÓ

Poteri di un Immortale

Gli Immortali possono assumere molte forme. Quando assumono le forme di una creatura mortale, essi dispongono delle medesime capacitÓ di questa creatura. Gli Immortali possono assumere l'identitÓ di personaggi qualsiasi livello, ma non possono poi assumere una diversa forma, fino a quando sono ritornati nella loro abitazione di Immortali e hanno assunto nuovamente l'identitÓ Immortale.
Se un Immortale viene ucciso mentre si trova in una Dimensione diversa da quella natale, la sua essenza torna alla casa Immortale, impiegando un numero giorni eguale ai suoi Punti Ferita. Se in un combattimento fisico viene sconfitto due volte dallo stesso mortale perde un livello di poteri immortali. L'uccisione di un Immortale nel suo Piano originario Ŕ definitiva.
I livelli conosciuti dei poteri di un Immortale sono elencati di seguito, dal pi¨ basso al pi¨ alto: Temporale, Celestiale, Empireo e Eterno. Questi livelli corrispondono ai quattro gradini della scala dei manufatti: Minore, Inferiore, Maggiore e Superiore. La vera forma di un Immortale varia con il suo livello: le capacitÓ medie conosciute del livello inferiore degli Immortali sono le seguenti:

Classe dell'armatura = 0
Punti Ferita = 100
Rigenerazione = 1 PF al giorno
Attacchi = come creature di 20 DV.

Un Immortale pu˛ essere danneggiato solo da un'arma incantata +5 o meglio, oppure un manufatto; Ŕ invece immune ad ogni forma di magia mortale. La maggior parte degli Immortali pu˛ lanciare incantesimi mortali a piacimento.
Quando un Immortale viene ferito, subisce solo il minimo danno possibile; ad esempio 6d6 +3 dadi di danno causano ferite pari a 9 punti. Il campo di anti magia di un Immortale ha un'efficacia pari al 50% entro 1,5 metri.
Un Immortale pu˛ parlare con qualsiasi mortale e anche con oggetti inanimati della sua stessa sfera o elemento. Gli Immortali possono volare a piacimento, teletrasportarsi senza errori una volta ogni ora, e viaggiare in maniera eterea e astrale una volta al giorno.
Il potere pu˛ variare a seconda del Piano di esistenza su cui l'Immortale si trova e dipende dal rapporto tra la sua sfera e quel Piano. Se sua sfera Ŕ dominante sulla sfera del Piano in questione, si modifichino i tiri per colpire, il danno per dado, i Punti Ferita, i Tiri Salvezza e la Classe dell'Armatura, con un bonus compreso tra +1 e +5, a seconda del livello di predominio. Se la sfera Ŕ sottomessa, i modificatori variano da -1 a -5. Questo metodo corrisponde a quello adottato per la creazione di individui di diverse taglie.



Gli Immortali possono essere inseriti in avventure di livello Master. Le loro sottili manipolazioni danno una ragione di essere agli avvenimenti di una campagna e la loro esistenza fornisce un nuovo obiettivo ai personaggi. Un Immortale Ŕ un essere la cui esistenza non pu˛ cessare, nel senso mortale della locuzione. Sono facilmente in grado di manipolare gli elementi e le loro energie magiche, pur rimanendo pressochÚ totalmente immuni ai loro effetti.
L'obiettivo primario di un Immortale consiste nel guadagnare Punti di Potere, che gli consentono di guadagnare posizioni e prestigio nell'ImmortalitÓ della sua sfera. Per guadagnare potere, deve rendere servizi ad una sfera, aumentarne il prestigio, mantenere l'equilibrio tra i poteri e impedire le azioni di un'altra sfera. Le strade di mortali e Immortali si incrociano quando i servizi di una sfera richiedono l'intervento degli Immortali in varie dimensioni dell'esistenza.
Questi incontri casuali hanno comportato la nascita di miti e leggende imperniati sugli Immortali; quando essi riescono a nascondere la loro natura, vengono descritti come streghe. Nei rari casi in cui la loro natura viene manifestata, i mortali li considerano dei. Quando personaggi di livello Master scoprono l'esistenza degli Immortali, tendono a dipingerli come esseri superiori che considerano il mondo e i mortali, rispettivamente come il loro campo di gioco e i loro servi.
Per gli Immortali, assume particolare interesse la Prima Dimensione, dato che Ŕ l'unica che confina con gli altri piani di esistenza; a causa della sua posizione nel cuore della rete astrale ed eterea rappresenta l'accesso a tutti i piani di esistenza e l'unico posto in cui tutti gli elementi e i poteri sono rappresentati.
Quindi, molti Immortali transitano per la Prima Dimensione, che rappresenta la connessione tra i Piani nativi dei poteri e i contesissimi Piani Esterni dove i poteri sono in costante cambiamento. La Prima Dimensione Ŕ trattata come territorio neutrale per tutti i poteri, a causa della sua importanza come accesso a tutti gli altri piani. Se una delle sfere tenta di invadere la Prima Dimensione, le altre sfere si coalizzano per respingere l'attacco.
Agli Immortali non Ŕ permesso confrontarsi direttamente con i mortali; quindi, nella Prima Dimensione, essi trattano con i mortali in maniera indiretta e spesso sottile.

In genere un Immortale non si rivela ai mortali. Solo i candidati all'ImmortalitÓ possono riconoscere gli Immortali; conseguentemente, la manipolazione assume svariate forme nella Prima Dimensione.
La forma pi¨ sottile consiste nell'uso di segni o presagi di un determinato evento, per spingere ad un'impresa o avvertire dell'imminenza di un pericolo. Un'altra forma, quasi altrettanto comune, consiste nell'ispirare i mortali mediante suggestione o manipolazione di oggetti inanimati e creature non intelligenti.
Nel tentativo di modificare il corso della storia, un Immortale pu˛ far ricorso a sistemi pi¨ diretti. Il pi¨ comune Ŕ l'uso di un agente, un servo o seguace della sfera di potere. Talora, un agente pu˛ essere dotato di un manufatto, o di un determinato obiettivo da conseguire con le sue capacitÓ e i suoi mezzi. Tuttavia, l'agente si troverÓ ad affrontare rischi mortali, nel tentativo di svolgere il suo lavoro. L'agente pu˛ allora adottare un sistema meno rischioso, tentando di convincere un potente mortale ad assumersi il compito in questione. Infine, in casi di estrema necessitÓ, un Immortale pu˛ impegnarsi personalmente; e li apparirÓ sempre sotto mentite spoglie e cercherÓ di non rivelare mai la sua natura immortale. Tuttavia, la sua apparizione personale comporta il rischio per lui di perdere poteri, di perdere il suo status e la natura stessa di Immortale.
Gli Immortali della Sfera dell'Entropia sono quelli che risultano coinvolti personalmente con maggior frequenza, rivelando la loro vera natura ai loro paladini, ai servitori e ai nemici.


Il sito del regno del Norwold giocato e reinventato dai Cavalieri del Norwold | eloradana@norwold.net

Torna ai contenuti | Torna al menu